Blackmagic Pocket Cinema Camera: i miei primi test

[vimeo http://vimeo.com/81795887]

La scatola della Blackmagic Pocket Cinema Camera

La scatola aperta della Blackmagic Pocket Cinema Camera

Questo post non vuole affatto essere una recensione sulla Blackmagic Pocket Cinema Camera (BMPCC), ce ne sono troppe in circolazione ed anche molto esaurienti. La più interessante è certamente quella del filmmaker inglese Philip Bloom. Queste clip sono solo delle esercitazioni personali su un nuovo strumento di registrazione video con i formati ProRes e CinemaDNG (RAW). La Blackmagic Pocket Cinema Camera sembra una macchina fotografica compatta, in realtà è una videocamera professionale a tutti gli effetti. Le sue caratteristiche tecniche principali sono le seguenti:

  • Il sensore Super 16mm della Blackmagic Pocket Cinema Camera.

    Il sensore Super 16mm della Blackmagic Pocket Cinema Camera.

    Sensore formato Super 16mm. Nel cinema a pellicola, il formato 16mm o Super 16mm è stato utilizzato per la realizzazione di film famosissimi e di grande successo come Eraserhead di David Lynch, Non Aprite quella Porta di Tobe Hooper e La Casa di Sam Raimi. A differenza del formato 35mm o Super 35mm, il 16mm è molto più economico e può comunque essere stampato successivamente in 35mm per la proiezione nelle sale. Blackmagic Design produce anche altre due videocamere più costose, la Cinema Camera a 2.5K e la Production Camera a 4K (entrambe con sensore Super 35). La Pocket Cinema Camera può essere considerata una moderna alternativa alla Bolex Paillard o alla Mitchell 16.
  • Le lenti Lumix e CCTV (con anello adattatore), che sto utilizzando attualmente.

    Le lenti Lumix e CCTV (con anello adattatore), che sto utilizzando attualmente.

    Attacco per lenti MFT (Micro Quattro Terzi), le stesse lenti montate da Olympus e Panasonic. La lunghezza focale delle lenti, nel formato MFT, va moltiplicato per due. Per esempio una lente 14mm su una fotocamera MFT diventa un 28mm. Sulla Pocket Cinema Camera il fattore crop è invece di 3x in quanto il sensore Super 16mm è più piccolo di un sensore MFT. Quindi sulla BMPCC un 14mm diventa un 42mm. Per avere un bel grandangolo è necessario dunque acquistare una lente 8mm Fisheye per avere un 24mm. Sulla BMPCC è possibile tuttavia montare un numero pressoché infinito di lenti grazie ad appositi anelli adattatori acquistabili separatamente. Per la lente CCTV con attacco C-Mount ho utilizzato uno di questi anelli. E’ possibile anche adattare ottiche Canon EF.
  • La Blackmagic Pocket Cinema Camera necessita di schede SDXC molto veloci.

    La Blackmagic Pocket Cinema Camera necessita di schede SDXC molto veloci.

    Le Cinema Camera a 2.5K e 4K registrano il video su costosi dischi a stato solido SSD. La BMPCC, a differenza delle sorelle maggiori, registra su schede SDXC ad alte prestazioni, come la Sandisk Extreme Pro a 95Mbps. Si tratta di schede di memoria care, ma molto meno rispetto a dischi SSD.
  • 13 stop di latitudine di posa. Le videocamere e le fotocamere digitali in commercio attualmente arrivano al massimo a 12 stop. La pellicola ha 16 stop di latitudine di posa. Le videocamere Blackmagic, in rapporto qualità-prezzo, sono le migliori per poter conferire un look cinematografico ai propri video.
  • Registrazione video 1080p24 in ProRes 422 nativo. Se si monta con Final Cut Pro X (o 7) è una bella comodità. I file sono già ottimizzati, pieni di informazioni per la post-produzione e soprattutto non devono essere convertiti se si vuole utilizzare il ProRes come formato intermedio. Il ProRes è utilizzabile anche con Premiere Pro.
  • Registrazione video RAW 12bit nel formato CinemaDNG. Finalmente il RAW video a basso costo. I file CinemaDNG sono delle cartelle che contengono tutti i fotogrammi registrati in formato DNG (come le foto in Adobe DNG) e il WAV dell’audio registrato dalla videocamera. Questi file possono essere convertiti con DaVinci Resolve 10 Lite (gratuito per il download su App Store o sul sito Blackmagic Design) ed addirittura premontati con esso prima di trasferirli al software di editing preferito. La latitudine di posa di questi file è pazzesca, si riescono a recuperare dettagli impensabili da clip vistosamente sovraesposte e bruciate. Il formato CinemaDNG, trattandosi appunto di Adobe DNG, è compatibile con Adobe Camera RAW o Lightroom. Per fare il color grading di una clip si può usare Camera RAW sul primo frame ed applicare tutte le modifiche ai fotogrammi successivi. Adobe Premiere Pro è attualmente compatibile con i file CinemaDNG, ma non con quelli di BlackMagic Design (speriamo in un futuro aggiornamento). La Apple con Final Cut Pro X non è ancora pronta per il formato RAW.

Queste non sono altro che le caratteristiche principali, ma ce ne sono molte altre. La cosa che mi ha impressionato moltissimo è la capacità di recupero delle clip video sovraesposte, esattamente come avviene in fotografia col formato RAW. Tuttavia i file CinemaDNG non possono essere paragonati ad un vero e proprio RAW fotografico, in quanto si tratta comunque di file compressi. Il CinemaDNG potrebbe essere paragonato ad un TIFF con poca compressione. Ciò nonostante, guardate il finale del video per vedere quanti dettagli sono stati recuperati. La definizione migliore è stata catturata ovviamente con la lente Panasonic Lumix G 14mm f/2.5 e non con la CCTV 25mm f/1.4. La CCTV è una misteriosa lente cinese acquistata su eBay con attacco C-Mount ed montata con un apposito anello adattatore. CCTV? Per cosa starà? Closed Circuit Television o più facilmente per China Central Television? Si tratta di una lente dal fuoco molto morbido ed ideale per effetti speciali o per conferire un look vintage e Lo-Fi alle clip video. La messa a fuoco manuale non è facilissima. L’audio è stato registrato in camera con il microfono integrato. Non sono ancora riuscito a trovare un adattatore 1/4″ per montare il Rode Videomic sulla BMPCC. La lente Panasonic si comporta invece egregiamente. Messa a fuoco e diaframmi possono essere regolati anche automaticamente con i pulsanti Focus e Iris della BMPCC.

Tags: , , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (10)

  • Test veloce sulla lente SAMYANG 14mm T3.1 VDSLR (Canon) | GIAN GUIDO ZURLI

    |

    […] Si tratta di una lente grandangolare pensata per il formato 35mm Full Frame, quindi adatto a fotocamere come la Canon EOS 6D, 5D Mark II, III, EOS 1D-X, 1D-C. Tuttavia nulla vieta di poterla adattare ad un formato molto più piccolo, come il Super 16mm della Blackmagic Pocket Cinema Camera. […]

    Reply

  • Avatar

    Alessandro

    |

    Una domanda stupida:

    Ma è possibile scattare anche fotografie? Se si in che formato?
    Oppure è soltanto una videocamera.

    Grazie

    Reply

  • Avatar

    marcobelli1981

    |

    Bell’articolo, ma volevo fare solo una puntualizzazione la BM cinema camera non ha un sensore S35 ma micro 4/3

    Reply

    • Avatar

      Gian Guido Zurli

      |

      E’ vero. Io parlo della Pocket Cinema Camera che ha un sensore Super 16mm. La lunghezza focale va calcolata x2,88 invece che x2 sulle MFT. La BMPC 4K ha un sensore Super 35mm. Una macchina molto interessante.

      Reply

  • Avatar

    Marcello

    |

    ho una pocket e per il momento ho messo un’ottica lumix vario stabilizzata 12 – 32, ovviamente per trovare l’immagine migliore bisogna fare varie prove …. ma c’è qualcuno che ha questa macchina da un pò di tempo e mi sa dire qual’ è il settaggio giusto, ovvero il mix di impostazioni in generale più efficace nelle varie situazioni? Luce serale, tramonto, sole pieno, interni, etc. Grazie. Marcello

    Reply

  • Avatar

    Pietro

    |

    Ciao Gian Guido, è un po’ che osservo la Blackmagic Pocket e devo dirti che la sua compatezza mi attira molto, visto che i miei video riguardano per lo più i miei viaggi. Io possiedo una Sony a77 che utilizzo con un Sigma serie C 17-70 2.8/4 ,un Tokina 11-16 2.8 ed infine il microfono esterno Sony Ecm. Tutto ciò comporta un bel peso da portare in giro. Vorrei un tuo consiglio riguardo la scelta di vendere il tutto per optare sulla Pocket.Cosa ne pensi? Visto che uso Final Cut Pro X per la post produzione con un iMac 27 del 2009 potrei avere dei problemi per l’elaborazione dei file video nel formato Raw? Grazie ancora e complimenti per il tuo articolo. Pietro

    Reply

    • Avatar

      Gian Guido Zurli

      |

      FCPX non è al momento in grado di riprodurre file RAW CinemaDNG. L’unico sistema, come ho fatto per il mio film DOPPELGÄNGER, è creare un digital intermediate con DaVinci Resolve e poi importarlo in FCPX. Premiere Pro CC 2014 è in grado di riprodurre e montare nativamente file RAW CinemaDNG. Per questa ragione utilizzerò sicuramente Premiere Pro per tutti i progetti girati in RAW.
      Puoi vendere la a77, ma comunque io manterrei le ottiche, ti basta comprare un adattatore.

      Reply

      • Avatar

        Pietro

        |

        Grazie mille , valuterò bene il tuoi consigli. Saluti Pietro

        Reply

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.